Le ‘ngiurie a Mazara. Una raccolta quasi completa delle ‘ngiurie dei nostri padri

ngiurieMAZARA DEL VALLO. In origine la ‘ngiuria era un soprannome a volte scherzoso altre volte quasi offensivo che veniva attribuito alle persone, spesso a loro insaputa, per comportamenti, difetti fisici, manie o modi di fare, vizi o anche virtù.

A Mazara del Vallo, sopratutto nell’ambiente marinaro, nel tempo la ‘ngiuria ha perso la sua caratteristica originaria per diventare esclusivamente un “terzo” nome, spesso e volentieri per distinguere intere parentele che avevano lo stesso cognome, come Asaro, Giacalone, Gancitano etc.

Da alcuni anni nutro l’idea di raccogliere queste ‘nguirie che stanno per essere dimenticate, visto che le nuove generazioni ne hanno abbandonato l’uso, e nel farlo inserire anche, laddove è possibile saperlo, l’origine della ‘ngiuria e i cognomi reali delle famiglie interessate, cercando di risalire al o ai capostipiti della ‘ngiuria, indicando cognome, nome, e possibilmente anno di nascita.

Credo che questa ricerca potrà risultare interessante per tutti i mazaresi che ancora nutrono un qualche interesse per la storia di questa città che rischia di non conservare nulla della propria identità, mentre i più giovani potranno divertirsi a conoscere le radici del soprannome dei propri genitori.

Aspetto i vostri contributi e i vostri commenti.

[Nino Asaro]

 

‘NFURNAPATRI

 Asaro  

        

Un capostipite della famiglia in questione soffriva di forti dolori reumatici; così, una volta, uno dei figli pensò bene di proporre al padre sofferente di infilarsi nel forno, dove prima era stato cotto il pane e, naturalmente, dopo essersi assicurato che questo avesse raggiunto una temperatura sopportabile.
L’esperimento aveva certo un fondamento scientifico, ma ai posteri non è dato sapere come finì.

‘NTRACINA            

   

        

 

21 CHILU

   

        

 

32 VITU

   

        

 

ACEDDRU

   

        

 

AITANEDDRU

   

        

 

AIUTANTI

   

        

 

AMMAZZA PATRI

   

        

 

ANDREA PATILLA

   

        

 

ANTRIA LU ASSU

   

        

 
ANTRIA LU VISCUVU  
   

ARAGANU

   

        

 

ARRIVA PAOLO

   

        

 

ARROBBA PACCA

   

        

 

ASSU

 Asaro  

        

 

ASPANU CHELLI CHELLI

   

        

 

ASPANU CUCINERI

   

        

 

AVVILINATU

   

        

 

BADDRA

 Asaro  Giuseppe

        

 da cui il famoso detto : a la via ci rissi peppe baddra

BATAROLLU

 Asaro  

        

 

BATTISTA MANCIA UGNIA

   

        

 

BATTISTA SAN CRISTU DI DIU

   

        

 

BATTISTEDDRA

   

        

 

BEDDRAMARIA

   

        

 

BERTOLINO

   

        

 

BETTA FIMMINA

   

        

 

BILLARDEDDRU

   

        

 

BISTINU

   

        

 

BITTI BITTI

   

        

 

BOCCIA

   

       

 

BOCICIA

Asaro                                                     Peppe
   

BUFFUNI

 Giacalone  

        

 
CACCAVECCHIA Asaro
   

CAFATTU  

   

        

 

CALOCCI

   

        

 

CAMPANARU

 Asaro  Turi

        

 

CAMPOBELLINI

   

        

 

CANALI

Asaro  

  

Dovrebbe derivare da un disaccordo sulla divisione di alcuni beni tra cui una casa, uno dei fratelli non contento della sua parte, si prese tutte le tegole (CANALI) della casa dell’altro, da cui l’appellativo “CANALI”

CAPPONI      

   

        

 

CAPUNEDDRA

   

        

 

CAPURALI

   

        

 

CARDEDDRA

 Asaro
   

CARVUNARU

   

        

 

CAVATUNI

 Bulevardi  Rosario

        

 

CAZZUNEDDRU

   

        

 

CAZZUNI

 Giacalone  

        

 

CHIACCHITEDDRU

   

        

 

CHIANCI-CHIANCI

   

        

 

CIASCI

 
   

CIASCHITEDDRA

   

        

 

CIASCU

   

        

 

CICCIU ACCELLA

   

        

 

CICCIU ACELLU

   

        

 

CICCIU CURRITURI

   

        

 

CICCIU LU ATTU

   

        

 

CICCIU LU LONGU

   

        

 

LU PIRUCCHIUSU

   

        

 

CICCIU LI PRESIDENTI

   

        

 

CICCIU PISCISPATA

   

        

 

CILLUNI

   

        

 

CIMEDDRA

   

        

 

CIOLLA

Diadema  

        

 

CIVILI

   

        

 

COCA CU LU RUPPU

   

        

 

COCUZZA

   

        

 

COFFA

   

        

 

COLA CAMPUSANTARU

   

        

 

COLA CIACCULIDDRU

   

        

 

COLA LUPO

   

        

 

COLA OCCHIALUNI

   

        

 
COLA SARDELLA Chiaramonte
   

COLA SETTITESTI

   

        

 

COLA STRASCICU

   

        

 

COLA TESTACAVURA

   

        

 

COLA TIRAZZA

   

        

 

COLI COLI

   

        

 

COLLETTA

   

        

 

CONCI  CONCI

 
   

COSCI SICCHI

   

        

 

COSIMU AMMARRUNCA

   

        

 

CUCCU

   

        

 

DEGHÈ-DEGHÈ

   

        

 

DIANA

   

        

 

DIAVULI

Tumbiolo
   
ENZU MICIO Evola                                                   Vincenzo
   

FACCI C’APPIZZA

   

        

 

FACCI DI SABATU

   

        

 

FANCIA

   

        

 

FARINELLA

   

        

 

FRANCUBULLU

   

        

 

FUNCIA

   

        

 

FUNCIA RUSSA

   

        

 

GIAFFE

   

        

 

GIGGHIA BIANCHI

   

        

 

GIOVANNI PASSULUNU

   

        

 
GIOIA  
   
GIORGIU LU CARDINALI  
   

GNAZIO ALESSI

   

        

 

GNAZIU LU GRECU

 Giacalone  

        

 

GNOCCULU

   

        

 

IACU CAMPENTI

   

        

 

INCARRUNI

   

        

 

JO JO

   

        

 

LA CAMILLA

   

        

 

LA FAGIANA

   

        

 

LA FELICI

   

        

 

LA MAGNA

   

        

 

LA MORTE

 Tumbiolo Marco

        

 

LA PAPARA

   

       

 

LA VECCHIA

   

        

 

LAGGIRI

   

        

 

LAITANTI

   

        

 

LI BARUNI

   

        

 

LI DIMONI

   

        

 

LI ATTI

   

        

 

LI CHIATTI

   

        

 

LI GIURI

   

        

 

LI GRECHI

   

        

 

LI PUFFI

   

        

 

LI SURCI

   

        

 

LI TOSTI

Giacalone  

        

 

LIBETTA

   

        

 

LU CUFUNEDDRU

   

        

 

LU DIAVULU

   

        

 

LU FODDRI

   

        

 

LU PORCU

   

        

 

LU RUNCU

   

        

 

LU SAREDDRU

   

        

 

LUIGI CARRIOLA

   

        

 

M’ANNOIA

   

        

 

MAIDDRA

   

        

 

MANCIAFRANCU

Ingargiola
  MANCIA: mangia
FRANCO: franco, gratis, a sbafo

MANCIATADDRI

   

        

 
MARCA Tumbiolo
   

MARIU VARVUZZA

   

        

 

MARROBBIU

   

        

 

MASCARIATU

   

        

 

MATTÈ OCCHIRANNI

   

        

 

MICCU

   

        

 

MILAMPU

   

        

 

MILLUZZU

   

        

 

MINCHIA PULITA

   

        

 

MIU MIU

   

        

 

MUGNUNI

   

        

 

MULUNI

   

        

 
MUNACHEDDRU Ingargiola                                                      Andrea
   

MUZZICUNARU

   

        

 

NAPPA

   

        

 

NARDU LU CHIATTU

   

       

 

NARDU MASIPIRUZZU

   

        

 

NASCA

   

        

 

NASCA A DU CANNI

   

        

 

NASCAREDDRA

   

        

 
NASCHI LORDI Asaro
   

NASUNI

   

        

 

NINU ADURATU

   

        

 

NINU CECÈ

   

        

 

NINU CIUCIA CHI VOLA

   

        

 

NINU COCCIU D’AMMARU

   

        

 

NINU DI LA MADONNA

   

        

 
NINU LU BAFFUTU  
   

NINU PIATRURANNI

   

        

 

NINU PUMARORU

   

        

 

NINU QUAQUARAQUÀ

   

        

 

NINU SULFAREDDRU

   

        

 

NINU TRUMMETTA

   

        

 

NINU NASICCHIU

   

        

 
   
   

NUNZIU NACCARU

   

        

 

OCCHI DI PICCIUNI

   

        

 

OCCHI DI PUCI

   

        

 

OCCHI RANNI

   

        

 

PACCHIANA

   

        

 

PACCHIANU

 
   

PACCHIUNEDDRU

   

        

 

PAGANU

   

       

 

PAPARACIARINI

   

        

 
PAPAREDDRA  
   

PAPPANTELLA

   

        

 

PASCI PAPARI

   

        

 

PASQUALI CU LU LAZZU

   

        

 
PASQUALOTTO Asaro                                                  Pasquale
  La ‘ngiuria è dovuta dal fatto che il papà di mio nonno (Pasqale) era alto e robusto
PASSULUNI Sireti
   

PATILLA

   

        

 

PATRI VECCHIU

   

        

 

PELLI PELLI

   

        

 

PEPPE CONTROLLO

   

        

 

PEPPI BADDRA

   

        

 

PEPPI NASUNI

   

        

 

PEPPI SARIATELLU

   

        

 
PERICHIATTI  
   

PETRU LIMONI

   

        

 

PETRU MUNACHEDDRU

   

        

 

PETRU PAIALORU

   

        

 

PETRU SAN PETRU

   

        

 

PETRU SPARTIANU

   

        

 

PETRU SPASCIAVARCHI

   

        

 
PETRU VENTIPACCHIU  
  quando era in Germania aveva, diceva lui, venti femmine ogni sera a disposizione

PIANTALA

   

        

 

PIATUSU

   

        

 

PICCHIULUNI

   

        

 

PICCINO

   

        

 

PICHI’

   

       

 

PILLI PILLI

   

        

 

PILUSU

   

        

 

PINÈ LU LATRU

   

        

 

PINU ARICA

   

       

 

PINU GIANNETTA

   

        

 

PINU SPASELLA

   

        

 
PINU TONTOLINU  
   

PIPPINU BARUNI

   

        

 

PIPPINU FAGNA

   

        

 

PIPPINU FUCIUNI

   

        

 

PIPPINU MAIDDRA

   

        

 

 

 
   

PIPPINU SOSICCHIA

   

        

 

PIPPINU TURCHINU

   

        

 
PIROCCHIU  
   

PISCIBANNERA

   

        

 

PUDDRICINU

 Asaro  Ciccio

        

Il nonno di mio nonno “Ciccio”, all’epoca molto piccolo, un giorno tornò a casa tutto bagnato fradicio e, quando la madre lo vide così conciato, lo apostrofò dicendogli che somigliava ad un pulcino appenna uscito dall’uovo, un PUDDICINU, appunto.

PUPIDDRU

Russo?
   

PUPU NIVURU

Burzotta?
   

QUAGGHIAREDDRA

Quinci  

        

 

QUAGGHI  QUAGGHI

Zammit
   
QUATTRU QUATTRU Asaro                                                      Rosario
   

RANFUNI

   

        

 

RAPA

   

        

 

ROLLINU

   

        

 

RUSARIU ALEO

   

        

 

RUVINA

 Giacalone  

        

 

SACCU DI CHIOVA

   

        

 

SARU BARRACCHEDDRA

   

        

 

SARU LU CHIATTU

   

        

 

SARU TRENTARUE

   

        

 

SCARAFUNI

   

        

 

SCHILLICCHIA

   

        

 

SCIACQUA LATTUGA

   

        

 

SCIAMPARRA

   

        

 

SCICCA PAOLA

   

        

 

SCILLI PUCI

   

        

 

SCOCCIASCECCHI

   

        

 

SCOCCIRIFORA

   

        

 

SICARREDDRU

   

        

 

SIMANA

   

        

 

SIRRATU

   

        

 

SONA CICCIU

   

        

 

SONA DI ‘NCULO

 
   

SPACCARIZZI

   

        

 

SPASCIA VARCHI

   

        

 

SPICCHIU D’AGGHIA

   

        

 

TARANTINI

   

        

 

TARTARUNI

   

        

 

TAVULINA

   

        

 

TESTA CAVURA

   

        

 

TISTA

   

        

 

TITTA

   
     
TOCCA E CIARA    

        

derivante dalla brutta abitudine di chi subì questa ‘ngiuria di toccarsi da qualche parte e poi di controllare il proprio…..stato odoroso

TOCCHI

   

        

 

TRI D’AREMI

   

        

 

TRITRICCHITI

   

        

 

TRUMMITTEDDRA

   

        

 

TURAZZU

   

        

 

TURDICEDDRU

   

        

 

TURI BUMBIRIMBÙ

   

        

 

TURI IACHINU

   

        

 

TURI VICCHIAZZA

   

        

 

TURRITTISI

   
     

UCCHIALUNI

Asaro  

        

 

UCCHIUTU

   

        

 

VARVUZZA

   

        

 

VITU CACCAGNU

   

        

 

VITTI CHIANCUNEDDRU

   

        

 

VITU CUCCUVIA

   

        

 

VITU CUTUGNARU

   

        

 

VITU LU CURTU

   

        

 

VITU METTI ‘NFUNNU

   

        

 
VITU PAPARAZZA Gandolfo
   

VITU PINNAREDDRA

   

        

 

VITU SCHIRPIUNI

   

        

 
VITU SPARDAISSU  
   

VITTI VITTORIANU

   

        

 

ZAPPITELLA ZU CICCU

   

        

 
ZIBIBBU Giacalone
   

ZU PETRU AFRICANU

   

        

 

ZU PETRU DRUNDRU’

   

        

 

ZU VICENZU CAFATTU

   

        

 

65 Commenti

  • annamaria asaro scrive il 10 aprile 2011, 10:23

    non so bene come si scriva ma la n’giuria del mio casato è funnurigghia, almeno così sentivo dire da piccola

  • Domenico Ciaramitaro scrive il 26 aprile 2011, 17:21

    non so come inserire in questa lista la n’giuria della mia famiglia “BELLIMANU” che a mazara conoscono tutti perchè esiste da oltre 4 generazioni. se è possibile inserirla, altrimenti fatemi sapere come fare. Grazie

  • maurizio scrive il 13 maggio 2011, 16:54

    cicciu acellu : il papà di Francesco Siragusa detto acellu perchè camminava saltellando.

  • anonimo anonimo scrive il 27 maggio 2011, 22:10

    schillicchia viene (xchè era sempre divertente) gli antenati sn i giacalone imparentati cn zottolo 5 fratelli di cui uno soltanto è rimasto a mazara e gli altri 4 andarono a san diego negli usa. quello che rimase a mazara morì cn l’esplosione di una boma post bellica su un motopeschereccio. lasciando una moglie ( zottolo ) e 5 figli 4 maschi ed una femmina di cui il + grande aveva 12 anni

  • Gabriele Montalbano scrive il 12 giugno 2011, 16:01

    Il mio nonno adottivo lo chiamavano “VICENZU MEZZAVARVA” perche’ un giorno mentre si trovava dal barbiere, per strada c’e’ stato uno scontro tra due carretti e allora tutti sono accorsi a constatare la situazione compreso mio nonno che si e’ alzato dalla sedia con appunto,meta’ barba fatta e meta’ no.Da li’ la NGIURIA.

  • Gabriele Montalbano scrive il 12 giugno 2011, 16:04

    Ho dimenticato di dire che mio nonno adottivo si chiamava VINCENZO MARINO.

  • francesco firenze scrive il 16 luglio 2011, 22:28

    io ho dimentikato di fire ke mia nonna si kiama li mikiluni 

  • Pietro giacalone scrive il 23 agosto 2011, 23:24

    Caro direttore i miei complimenti per la bella iniziativa che hai avuto. Ad integrazione della lista ti voglio segnale anche : CAMMIALUNI,CAVIGGHIA. CAVIGGHIUNI COSCI BIANCHI GIUMMITEDDRU FIALEDDRU avv.pino giammarinaro PACCHINTOLLA PANTOLLA PATAPUFFITI. PAPA’CANNOLO PINNULUNU PINU MIMMA PERI DI CHIUMMO SARÒ PACCHIOMILLA SASA’ COLA SCIAPALAPA

  • Pietro giacalone scrive il 23 agosto 2011, 23:30

    Errata corrige: al posto di pino MIMMA – pino MINNA.  

  • RINO GIACALONE scrive il 26 agosto 2011, 19:39

    CIO’ CIO’

  • RINO GIACALONE scrive il 26 agosto 2011, 19:40

    ruppa ruppa

  • RINO GIACALONE scrive il 26 agosto 2011, 19:41

    succiteddru

  • RINO GIACALONE scrive il 26 agosto 2011, 19:42

    iò iò

  • RINO GIACALONE scrive il 26 agosto 2011, 19:43

    occhi bianchi

  • nicola asaro scrive il 6 settembre 2011, 19:14

    a mio nonno lo chiamavano lu zu cola annacati annacati (asaro)

  • Tommaso De santi scrive il 11 settembre 2011, 16:16

    Mio Padre lo Chiamavano Cicciu Diana una ngiuria ereditata da suo padre(mio nonno) che a sua volta ereditata da mio bisnonno che e’ stato il primo Diana

  • Francesco Cucchiara scrive il 26 settembre 2011, 18:51

    Gli Miccu sono un ramo dei Giacalone, come mio Suocero. Questa n’giura deriva dal fatto che il capostipite morì giovane, lasciando diversi figli ancora bambini. Quando la gente li vedeva, diceva: talì, sunnu tanti ‘micchiceddri (da Miccu = miccia del lume ad olio o di una candela). E’ famosa una vecchia foto detta “di li setti frati”. Se ho tempo la cerco e la pubblico.

  • Matteo Giacalone scrive il 6 ottobre 2011, 11:46

    Vi sieti dimenticati di inserire “ZACHIARA”, il significato non lo sò per’ora era di mia nonna Genna, ma al più presto ve lo comunico. poi “SIRRATU” appartiene a mio nonno Asaro Giacomo.

  • vito mezzapelle scrive il 14 ottobre 2011, 14:45

    Mio  padre era chiamato Santupatri (Leonardo) avete notizie di che inguria sia?Grazie

  • gancitano vincenzo scrive il 19 ottobre 2011, 17:08

    new.” cola quartara” al primo cittadino e alla sua generazione futura per distinguerlo fra i tanti cristaldi

  • gancitano vito scrive il 12 dicembre 2011, 0:03

    occhi ranni è il soprannome di mio padre gancitano ignazio ” occhi ranni ” ( un nosro antenoto aveva
    gli occhi molto grandi di cui il soprannome)

  • nino gancitano scrive il 30 dicembre 2011, 0:47

    COLA QUARTARA VI SIETE DIMENTICATI O QUARTANA, UN VECCHIO DI ORIGINE MARINARE

  • nino gancitano scrive il 30 dicembre 2011, 0:53

    VI SIETE DIMENTICATI DI INSERIRE COLA QUARTANA O QUARTARA UN VECCHIO DI ORIGINE MARINARE

  • SALVATORE FODERA' scrive il 19 gennaio 2012, 19:00

    Schicchirinnardo – Nonno di Leonardo Giacalone – il soprannome deriva dal fatto che CHICCHIA NARDO, NARDO CHICCHIA= schicchirinnardo
    Ne conosco altri, ma non so la provenienza. Mi piace approfondire.
    Lodevole iniziativa.

  • francesco maiale scrive il 19 gennaio 2012, 23:13

    vi siete scordati di me cicciu maiali, di ciccio pinguino, antonio occhitorti, occhi di vitru, spunzuni, mattè lu squalu, li bianchi(famiglia bianco di costiera), pilu russu, giacominu pasta a fornu,vicenzu lu bacchittuni, lu viddranu (è capitano ma possiede delle terre) , ciari ciari (perchè trascorreva molto tempo all’aperto in mezzo alle “ciare”) , tanu lu macaruru(panificio via salemi), vitu14,

  • d'angelo rocco scrive il 25 gennaio 2012, 8:46

    mi ricordo di mio nonno salvatore… nell’ambito della marina era soprannominato ” Turi scé scé” a causa della … sch..sch… della sua parlata  quando pronunciava le “S”
    comunque me li ricordo quasi tutti…  da aggiungere “mezzapeddri” mezzapelle 
    petru u nivuru a causa della sua pelle molto molto abbronzata..;
    ciao a tutti!

  • peppe asaro scrive il 8 febbraio 2012, 12:20

    mio papà (deceduto nel 2010) era molto conosciuto come lu “Zù Ninu Rapa” , in anagrafe Asaro Antonino , ultimo di 8 figli e fratello di Pippino Rapa e Lucianeddru Rapa, ex rigatteri (commerciante di pesce) dalla tenera età di 8 anni (ancora ricordo i suoi racconti, quasi al limite dell’incredibile per i nostri tempi, durante gli ultimi suoi mesi di vita nelle notti insonni passate insieme) … Da informazioni di mia conoscenza la “ngiuria inizialmente era stata affibbiata a mio nonno paterno, deriva dal fatto che fossero molto testardi e diffcilmente ascoltassero gli altrui pareri, il tutto associato a facili incandescenze nelle discussioni.
    Volevo ringraziarVi per avermi dato l’opportunità di ricordare le persone nominate a me care.
    Saluti.

  • ingargiola giacomo scrive il 11 febbraio 2012, 10:01

    Da aggiungere ” SPICCHIO DI FAVA ” . uno di tre , di discendenze marinare di ceppo INGARGIOLA . Uno perche piagnucoloso detto ” PIU ” , uno perche dedito alla cucina detto ” CUCINERI ” , l’altro , da cui discende mio nonno , in quanto piccolo , ” SPICCHIO DI FAVA “. Grazie

  • nicola asaro scrive il 16 febbraio 2012, 14:34

    ghiotta …….. i margiotta

  • Giovanna Auguanno scrive il 28 febbraio 2012, 11:40

    Fillazza

  • GIUSEPPE GANCITANO scrive il 4 marzo 2012, 21:26

    Salve mio Papa’ e’ conosciuto come “Andria Patilla” e con grande orgoglio anche io, qualcuno e in grado di sapere il significato di questa ‘ngiuria…Grazie.

  • Antonino Norrito scrive il 27 marzo 2012, 0:20

    La ingiuria di mio nonno era ”scarpa liscia”,dal fatto che quando andava in campagna a guardare ”l’omini ” che lavoravano la sua terra,ci andava con le scarpe ppi nesciri.Il nome di mio nonno era Norrito Vito Giuseppe,conosciuto come Don Pippino Norrito.(scarpa liscia).

  • ubaldini gianluca scrive il 28 marzo 2012, 20:29

    Salve,manca la ‘nguria del mio bisnonno ,VITO ANGUNARU, e di mio nonno VITO GOMITOLO
    dalla parte di mia nonna invece gli dicevano gli ACQUATI.Grazie.

  • ubaldini gianluca scrive il 28 marzo 2012, 20:35

    Dalla parte di mia madre dimenticavo il mio bisnonno lo chiamavano CIARAMITA e mio  nonno non sapendo il perchè ASPANU LU FODDRI

  • anna maria rallo scrive il 2 aprile 2012, 20:10

    Vi siete dimenticati dei “Mazara”, Quinci per la cronaca.
    Mio papà apparteneva ai Mazara ma non so il perchè.

    Muluna penso che deriva dal cognome Mulone. 
    Mia Mamma sono in sette e mio nonno era Vincenzo Mulone

  • Nicolò Asaro scrive il 11 aprile 2012, 8:41

    Mi chiamo Asaro Nicolò, mi complimento con il direttore per quanto fà.
    Riguardo la n’giuria di “civili”, discende non so da quante generazioni, io so solo che mio padre (Asaro Giovan Battista) mi racconto quando era vivo che questa n’giuria di “civili” gli era stata affibbiata perchè quando suo nonno veniva da pescare con la barca al ritorno si puliva e si cambiava gli indumenti e quando metteva piede a terra la gente che lo conoscevano esclamavano zu battista ma dunni si gni a la festa? Mio padre mi ricordo che quando ritornava dal lavoro di pescatore faceva lo stesso, metteva sempre maglioni bianchi e non sembrava che andava a mare per lavoro.
    Nicolò Asaro

  • Giusy asaro scrive il 23 maggio 2012, 22:19

    Il mio caro nonno paterno, Asaro Luciano, pescatore, che mi guarda da lassù,  ”sciuscia ‘chi bola”..si dice che sbuffava spesso!! 

  • Pietro Giacalone scrive il 30 maggio 2012, 21:03

    Tocco e non “Tocchi”. Tale ngiuria fu data a mio nonno paterno, Giuseppe Giacalone, commerciante di pesce. che all’epoca spediva la merce a diversi commercianti ittici di Palermo  e provincia del capoluogo Siciliano. E proprio a Palermo il pesce veniva comprato da tale sig. Tocco. Al ritorno da Palermo l’autista del camion che trasportava il pesce del nonno e degli altri commercianti mazaresi, consegnava a ciascuno di essi la busta con il ricavato delle singole spedizioni. E quì avveniva quotidianamente l’intoppo delle omonimie. Giacalone Giuseppe era , e forse ancora è, “nome comune di persona”. Per evitare disguidi e a volte anche liti, l’autista nel consegnare le buste con il ricavato al nome” Giacalone  Giuseppe” faceva  subito seguire l’appellativo “Tocco”quando si trattava  della busta di mio nonno. La “ngiuria” poi passò a mio padre, Nino Giacalone  detto “Nino Tocco”. Mio figlio usa la “ngiuria ” Tocco in Facebook. =======/. Complimenti per l’iniziativa!   

  • ANTONINO ASARO scrive il 28 agosto 2012, 16:34

    SALVE A TUTTI,
    SONO ASARO ANTONINO EX CAPITANO DEL FERDINANDO PRIMO, AVETE DIMENTICATO DI SCRIVERE PISSINEDDRA..LU ZU SARU PISSINEDDRA……POI GIUSEPPE ASARO, BARTOLOMEO ASARO, VITO ASARO E CATERINA ASARO ANKE LORO PISSINEDDRI..CIAO A TUTTIIIII

  • giuseppe cancemi scrive il 5 settembre 2012, 13:46

    Carvunaru è una ngiuria detta alla famiglia cancemi perchè faceva parte dei moti carbonai

  • gino gancitano scrive il 11 settembre 2012, 1:51

    vi siete dimenticati di vitalè. è un mio prozio che si hiamava vito leo morto nel 1964 ma il cui soprannome è passato alla mia famiglia, gancitano

  • nino fiorentino scrive il 2 ottobre 2012, 13:23

    @pietro giacalone: mi hanno raccontato questo aneddoto a proposito di Suo nonno; mi pare simpatico, ma non irriguardoso ( se no non ne rifeirirei ). Non so se risulta pure a Lei. Un giorno un tale, proveniente da fuori Mazara, cercava un certo Giuseppe Giacalone, chiedendo in giro. Potete figuravi la risposta, sempre uguale “Ma lei così cerca un Giacalone a Mazara?” . Fino a quando comprese che doveva aggiungere qualche particolare. E così, rivolgendosi ad un passante, ricominciò ” Scusi sa dove posso trovare Giuseppe Giacalone? Biii.. qua tutti Giacalone si chiamano.. Ma è molto noto nell’ambiente della marina…Biii…tutti i Giacalone, o quasi, operano nel campo della Marina.. E’ un commerciante di pesce…Sì, sa quanti Giacalone fanno i rigattieri…Senta, non vorrei sembrare irriverente, ma dovrebbe avere un soprannome, ‘ tocco ‘ mi pare…. Tocco?? Pino Tocco? Ma quello sono io !!!!

  • Mary Gancitano scrive il 7 ottobre 2012, 9:00

    Manca nell’elenco la ngiuria “pisirenti” che sta per “Presidente”. Questo soprannome è stato attribuito al nonno di mio padre Matteo Gancitano perchè è stato il primo presidente della Prima Cooperativa della pesca di Mazara del Vallo.  Aggiungilo all’elenco.
    E’ davvero una bella cosa per non dimenticare le nostre  tradizioni e soprattutto le nostre origini!

  • antonino spartano scrive il 12 ottobre 2012, 21:16

    Il mio nonno paterno lu chiamavanu “Pinè lu Latru” picchi quannu vendeva li casci di pisci ad ogni cascia ci futtia un pisci un grande peccato che è morto quando ero piccolo,Spartano Pietro.Invece il mio nonno materno ci riscianu”Nardu Lu Chiattu” penso pe la sua magrezza sinceramente nn me lo sono mai chiesto Gancitano Leonardo pescatore

  • Ignazio evola scrive il 15 ottobre 2012, 21:32

    Saru la vecchia marinaio

  • francesco foggia scrive il 1 novembre 2012, 20:22

    ciccio diana  mio nonno ( francesco de santi)  conosciuto a mazara come  ciccio diana  cosi come suo padre e suo nonno il quale si orientava in mare aperto usando come punto di riferimento la stella diana appunto   

  • Vincenzo Di Marco scrive il 23 novembre 2012, 12:19

    “Ranfuni ” appellativo  dato ad un mio zio  Vito Quinci, lavoratore al porto di Mazara del Vallo,                   ” catraio”  cosi venivano chiamati i portuali  lavoratori , per l’approdo dei bastimenti o navi da carico che sbarcavano  ed imbarcavano mercanzie a Mazara, attività perdutasi a metà degli anni 80/85,  non sono sicuro se l’appellativo era dello zio o di suo padre  ”lu zu turi quinci” il significato  e che più meno,  in ogni cosa si metteva la ranfa  x analogia le mani, anche in senso figurativo.

  • Francesco Asaro scrive il 4 gennaio 2013, 20:11

    Manca la mia n’guria “CIUMARA” Il mio bisnonno ASARO CARLO stava sempre ai bordi del fiume per raccogliere il giunco x fare nasse da pesca.

    Mentre il Padre di mia nonna, TRINCA GIUSEPPE era soprannominato “LANAVIANCA” dovuto al fatto che fin dall’età giovanile aveva capelli, barba e sopracciglie bianche.

    Dal lato materno la n’giuria già elencata “CHIACCHITEDDRU” é dovuto al fatto che GANCITANO LUCIANO preparava i nodi (detti “chiacchi”) per legarci gli ami da pesca.

    Per quanto riguarda la n’giuria di li “chiatti”, dovuto al fatto che i GANCITANO avevano il compito di trasportare la “chiatta” da una punto all’altro del fiume mazzaro.

  • nicola scrive il 8 febbraio 2013, 12:08

    ngnazio lu funciutu,
    zichitta
    vaetaru
    paolo mio mio
    papettu

  • bartolomeo gancitano scrive il 15 marzo 2013, 10:21

    Avete dimenticato “Li Prisirenti”lu zu Ciccio che era mio padre,me zi Petru,me zi Turi,me zu Cosimo e me zi Vitu chi sinni ì a l’Argentina.

  • anonimo scrive il 9 giugno 2013, 2:35

    molti dei bono : rimonio………

  • da anonimo ad anonimo scrive il 9 giugno 2013, 20:28

    Per restare in tema: i ‘diavoli’, un ramo dei Tumbiolo.

  • Giuseppe Giacalone scrive il 19 luglio 2013, 14:46

    Buongiorno,

    sulla lista ho visto COLI COLI, la famiglia di mia mamma era chiamato cosi`,di cognome fanno Bono.
    Non ho trovato sulla lista Mammaranne che era ‘ngiuria di un ramo di Giacalone. Ancora adesso quando capito a Mazara mi chiamano Pino Mammaranne..
    Cordiali saluti.

  • pino lombardo scrive il 27 luglio 2013, 18:38

    saro manfredini
    - cucciddatu -

  • Alberto Gancitano scrive il 31 luglio 2013, 19:47

    OCCHIRANNI DERIVA DA UN SOPRANNOME MESSO ALLA MIA FAMIGLIA.MIO NONNO “GNAZIO L’ABBANNIATURI ” E SUO UNICO FIGLIO MATTEO ERANO PROPRIETARI DI DUE PESCHERECCI , ENTRAMBI AVEVANO GLI OCCHI GRANDI .DA LI’ L’APPELLATIVO OCCHIRANNI.SALUTI

  • vanessa sorrentino scrive il 21 agosto 2013, 17:51

    mio marito si chiama salvatore asaro,il nonno era turi campanaro e il padre di mio marito nardu campanuru….molti degli amici credevano che campanaro fosse un cognome e non un sopranome…..la storia di questa” nciuria “ha origine quando il nonno di mio marito, un ragazzino molto esuberante e spericolato  con un suo amico avevano fatto una scommessa…..chi dei due avesse avuto il coraggio di salire sul campanile della chiesa e suonare la campana…..il primo ragazzino non ebbe il coraggio,ma turi invece senza pensarci un attimo si arrampicò e in men che non si dica suonò la campana…da qui il soprannome campanaro.esiste anche una canzone a lui dedicata.

  • MARIO scrive il 27 settembre 2013, 23:50

    COLA CU LU RUPPU.(non coca,ma cola)
    cognome ingargiola nome nicola….antico zio di mio nonno che aveva un grosso neo prospicente sul viso(u’ ruppu)

    tarantini.
    cognome giacalone,famiglia composta da sette fratelli e una sorella(mia nonna)
    questi sette fratelli fecero tutti il servizio militare a taranto,da qui tarantini.
    e io sono degno erede,avendo fatto servizio militare e essendo ancora in servizio presso taranto.

    che belle le nostre tradizioni!

  • MARIO scrive il 27 settembre 2013, 23:55

    scocciascecchi si chiamano quartuccio di cognome

  • giovanni castiglia scrive il 5 ottobre 2013, 16:00

    Vi segnalo che mio padre e’ stato a sua volta,ai suoi tempi, l’inventore di molte ingiurie riservate a persone che lui conosceva tra le quali vi anticipo per esempio CANNILERI,LA SPINZATA, LA FUNCIUTA,BUMMULI BUMMULI,CANNALONGA,ecc, ecc,

  • vito asaro scrive il 25 gennaio 2014, 0:44

    la ngiuria è una tradizione che non và perduta.nasce da un difetto fisico o psichico oppure,da un determinato avvenimento.spesso segue la legge del contrabbasso.la ngiuria si eredita.a volte viene sostituita da una nuova ngiuria.altre volte la nuova ngiuria si unisce all’antica cosi,intere famiglie hanno più di una ngiuria.altre volte,la nuova ngiuria si fonde con la vecchia.ne vengono fuori dei neologismi che mai vedrete in nessun vocabolario ma,servono ai mazaresi per individuare dei ceppi familiari…..una ngiuria frequente,a mazara è:puddricinu.quella degli asaro(cui io appartengo)deriva da un avvenimento ben preciso:il mio nonno paterno rimase vedovo con 10 figli piccoli.la famiglia andò allo sbando.alla sera,il pover’uomo,trovandosi solo,si affacciava sull’uscio di casa e chiamava i 10 figli.uno per uno.i vicini,mossi da pietà,dicevano:mischinu,lu zu vitu.si sta chiamannu li puddricini.da li la ngiuria.sono molto legato a questa ngiuria.mi fà ricordare la mia provenienza e delle vicissitudini che,altrimenti,sarebbero entrate nel dimenticatoio.p. s.mi è capitato di riconoscere una parentela proprio per la ngiuria in comune.

  • Roberta Marrone scrive il 12 febbraio 2014, 19:38

    Kelli kelli nato dal fatto che  il mio bisnonno era balbuziente :)

  • nicolo quinci scrive il 4 maggio 2014, 13:51

    nicolò quinci in arte gradirebbe sapere la motivazione alle ,ngiurie dei propi nonni materni e quinci nonno paterno <ranatu oppure danatu in pratica melograno?
    attendo delucidazioni grazie nicolò quinci.

  • Mommo perniciaro scrive il 27 maggio 2014, 7:12

    Manca un’altra ngiuria molto colorita:    Ninu Suca Morvu. Deriva dal fatto che nell’arco dell’anno il soggetto era spesso raffreddato e con il naso che gli colava, pertanto spesso operava in forte inspirazione per tirare dentro il muco in eccesso anziche’ soffiarsi il naso. 

  • angelo natoli scrive il 2 giugno 2014, 12:46

    salve ho avuto informazione sull esistenza di “ciccio rollino”,dovrebbe avere 80 82 anni oggi,.nn so sia in vita ,era un marinaio,.conosciuto anche  costiera,mazara,.

  • Gaspare Ingargiola scrive il 31 luglio 2014, 17:44

    Salve, ho avuto modo di scoprire la Vs ricerca, complimenti ed altro ancora vorrei indicare.. Solo con un commento che sento di voler comunicare alla Vs paziente ricerca della nostra storia … Un racconto … Una legenda guarda ancora con appurata sensibilità al fu’ Giuseppe Ingargiola…  ns Tris Avo .. Si racconta…. Nella ns famiglia…  ” non volendo lasciar andar il pescato, pur consapevole di esser quasi mozzo del avambraccio, per non perdere quello che di sacrificio fu’ per la ciurma nel manovrare la rete del pescato, l’ impavido se non altro altruista, ” Peppe Baddra ” ….. Urlo … , Quello che nel gergo della Navigazione Mercantile e non .. varrebbe per un incitò alla vita ..  ” ALLA VIA ” … Rissi Peppi Baddra… Grazie.   

Scrivi un commento - I commenti che non riportano Nome e Cognome, Mail e Numero Telefonico non saranno approvati.

Gravatar, la tua foto o una piccola immagine da inserire accanto al tuo nome. Ottieni la tua gravatar gratis cliccando qui!

Aggiungi una immagine

tags nel sito: Assicurazione auto e moto, salute e assicurazione medica, perdita di peso, anti-invecchiamento, cancro, la crescita dei capelli, ingrossamento del seno, odontoiatria, ortodonzia, mesotelioma,farmaci finanziamenti, mutui, prestiti, Trading Online, Forex, Immobili, Informatica, PC, avvocati, notai, commercialisti, Incontri Online, Fotografia, Hosting web, creazione siti web, Giochi cellulari

Associazione culturale MEDIBA P.iva 02290990817

Copyright © 2014 mazaraonline. All rights reserved.