«Una svista pagata carissima». Cavataio commenta la sconfitta e la penultima posizione

cavataio filippoMAZARA DEL VALLO. «Non si può prendere un gol su calcio d’angolo lasciando un avversario libero in area di rigore». Lo ha detto Filippo Cavataio al termine della partita che ha visto i canarini uscire sconfitti per 2- 1 allo stadio di Melicucco contro la Cittanova Interpiana. Una partita difficile sotto una pioggia battente, locali e ospiti hanno dato vita ad una gara intensa, con qualche fallo di troppo ma comunque ben controllata dal direttore di gara. Ancora una volta due grosse disattenzioni difensive costano ai gialloblù di Cavataio una sconfitta che condanna la squadra mazarese a rimanere ancorata in penultima posizione a 15 punti staccata di tre punti dalla terz’ultima Rossanese e quattro dal Modica mentre i cugini del Marsala sono saliti a 23 punti. Cavataio ha schierato la migliore formazione possibile affidandosi ad un classico 4-4-2 con Polessi fra i pali, in difesa D’Amico, Lombardo, Zarini F.e Vinci, un centrocampo formato da Porto, Lunetto, Agnello e Palazzo; in avanti, come annunciato alla vigilia, il tecnico si è affidato all’esperienza di capitan Erbini ed Okolie. La Cittanova Interpiana ha risposto con lo stesso modulo schierando l’ex Cosenza il quale è ritornato a giocare vicino casa dopo un’esperienza fino a novembre in rive al Mazaro e proprio il centrocampista, forse per spirito di rivalsa contro un ambiente gialloblù che non lo ha certamente amato, si è dimostrato il migliore in campo. Al 34’ i padroni di casa sono andati in vantaggio con Gaudio che è penetrato in mezzo alla difesa canarina, inerme, ed ha battuto l’incolpevole Polessi con un preciso diagonale. Il Mazara ha reagito sfiorando il pareggio con Palazzo anticipato dal difensore Numera al momento del tiro a rete. Nella ripresa Cavataio presenta Silvestro al posto di Vinci ed uno schieramento più offensivo, con Palazzo chiamato ad agire da terzino e Okolie più largo a sinistra. Comincia bene il Mazara ed al 5’ ecco il pari: punizione dalla trequarti di Lunetto e pronta girata di testa di Okolie che sorprende Piazza. Il Mazara si è difeso cercando di ripartire ma senza creare occasioni pericolose. Al 15’ viene punito quando in occasione di un corner battuto da Ruggiero, Genova viene lasciato solo a due passi da Polessi e l’attaccante di testa salta più in alto di tutti e conclude comodamente a rete. «Un’altra disattenzione difensiva clamorosa -ha dichiarato Cavataio – poco prima della battuta del corner, mi ero sgolato con i miei difensori per chiamare la marcatura su Genova».

[fonte La Sicilia – F. Mezzapelle]

Be the first to comment on "«Una svista pagata carissima». Cavataio commenta la sconfitta e la penultima posizione"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*