«Il Prg è da adeguare». Consiglio comunale aperto. Accordo sulle modifiche da apportare alle direttive

consiglio_comunale_03MAZARA DEL VALLO. «Bisogna adeguare il piano regolatore della città ai cambiamenti intervenuti negli ultimi dieci anni». È l’unanime accordo espresso in occasione della seduta aperta del Consiglio comunale, avvenuta lunedì sera, dedicata al tema «Direttive generali per la revisione del Piano regolatore generale ed atti connessi». Negli ultimi giorni del 2010 l’Amministrazione Cristaldi aveva approvato le linee guida per la revisione del Prg. Così lo scorso 2 marzo l’assessorato regionale Territorio ed Ambiente ha sollecitato il Consiglio comunale affinché adottasse modifiche al Prg visto che esso risale al 2003 e che pertanto risultano scaduti i vincoli in esso allora stabiliti. Una seduta consiliare che, purtroppo, non ha visto, considerata l’importanza del tema, una grande partecipazione di cittadini nonostante a richiederla fosse stata proprio la III commissione consiliare. Ad ogni modo la seduta è stata arricchita da interventi interessanti da parte di tecnici, qualcuno dei quali in passato anche amministratore della città. È il caso dell’arch. Aldo Messina: «Queste linee guida del Prg proposte dall’Amministrazione sono da considerare bene. Innanzitutto – ha detto Messina – la presenza di zone C è limitatissima, queste sono molto importanti perché consentono l’edilizia convenzionata, vedi ad esempio la concessione di mutui regionali a tassi fissi, circa 1%, e sotto l’inflazione consentendo la costruzione della prima casa”. Messina ha criticato la possibilità prevista nel Prg di avviare piani di lottizzazioni di lotti da 5.000 mq alle stesse condizioni di lotti da 10.000, ed ha stigmatizzato il prezzo troppo alto (180 euro al mq) delle are da monetizzare: «Iinsomma – ha concluso – ci sono poche aree da edificare come zone B2 e B3». L’assessore all’Urbanistica, Nino Zizzo ha rassicurato: «Non sono stati calati emendamenti al Prg. È stato solo nominato un gruppo piano guidato dall’arch. Giovanni Giammarinaro. Il Consiglio comunale sarà chiamato all’approvazione del Prg».

[fonte La Sicilia – F. Mezzapelle]

1 Comment on "«Il Prg è da adeguare». Consiglio comunale aperto. Accordo sulle modifiche da apportare alle direttive"

  1. Come si pensa di dare sviluppo all’edilizia se si pongo dei vincoli assurdi? Quali? Pensiamo alle tante aree C sottoposte a vincoli di lottizzazione che se non trovano il consenso unanime dei singoli proprietari ne impediscono il concreto sfruttamento per una qualunque possibile realizzazione di fabbricato, quale potrebbe essere una prima casa. Diversamente si autorizzano il risanamento di fabbricati fatiscenti fronte mare in barba a qualunque logica di tutela paesaggistica e di territorio.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*