Il circolo Legambiente Mazara interviene sulla questione acqua ai nitrati

acqua_03MAZARA DEL VALLO. Questo Circolo Legambiente “Fata Morgana” di Mazara del Vallo, lamenta l’assoluto disinteresse palesato da questa Amministrazione Comunale, in particolare dell’Assessorato Lavori Pubblici competente nel merito, verso la risoluzione dell’annoso problema inerente la presenza del parametro “nitrati” nelle acqua in distribuzione potabile nei quartieri di Trasmazaro e Tonnarella, infatti nessuna azione, ad oggi, è stata messa in atto in questa direzione.

Per dirne una, si sappia che le acque dei pozzi “incriminati”: Ramisella2 e Ramisella3, stante che Ramisella1 fu chiuso causa l’elevatissima concentrazione dei nitrati presenti, non vengono analizzate dal lontano 27 aprile 2009.

Neanche se il problema fosse stato risolto.

Nessuna comunicazione è stata mai data agli abitanti di questi popolosi quartieri sulle condizioni di potabilità delle acqua distribuite.
Alla luce di quanto sopra detto, riteniamo che questa Amministrazione debba, una volta e per tutte, intraprendere la strada per la risoluzione definitiva del problema.

Franco Sferlazzo
Giacomo Anselmo

8 Comments on "Il circolo Legambiente Mazara interviene sulla questione acqua ai nitrati"

  1. CLICCATE SU QUESTO LINK DI MAZARA ON LINE E LEGGETEVI LE DICHIARAZIONI RESE DAL VICE SINDACO IL 6 NOVEMBRE 2009 . VI ACCORGERETE CHE I NOSTRI APPROVIGIONAMENTI IDRICI SONO TUTT’ ORA SENZA PROTEZIONE A DISTANZA DI 2 ANNI .

    SE QUALCUNO PENSA DI FARE UN ATTENTATO ALLA POPOLAZIONE , PUO’ BENISSIMO FARLO INDISTURBATO.

    http://www.mazaraonline.it/public_html/?p=4179

  2. CERTO SIG ANSELMO, CONFERMO, LA SUA OSSERVAZIONE è ESATTA, MA QUESTO SITO NON PERMETTE CORREZIONI, QUINDI NON HO POTUTO AGGIUNGERE, COMUNQUE è STATO PUBBLICATO SU QUESTO BLOG, IL 18 GENNAIO 2009 http://comitatocittadinomazara.blogspot.com/2009/01/acqua-inquinata-atto-ispettivo.html

  3. nino fiorentino | 23 aprile 2011 at 17:28 |

    Va  bene. Sono disposto a prendermi io l’insulto a condizione che il sindaco dica esattamente cos’ha fatto per questo problema… nel frattempo io continuo a comprare l’acqua minerale pure per cucinare..

  4. @Vito Reina, Lei ha dimenticato di rire che questo “atto ispettivo” dell’On. Nicola Cristaldi risale al gennaio 2009, cioè quando non era ancora sindaco di questa città.
    Gli “imbecilli” ritornano a chiedere: cosa questa amministrazione ha fatto per risolvere questo problema.
    Provi, questa Amministrazione a rispondere a questo articolo pubblicato su un giornale locale, in data 07/06/2007, a firma di un certo sig. Girolamo Pipitone?

    ACQUA INQUINATA A MAZARA? Si dica come stanno le cose. SENZA NASCONDERE NULLA!

    Che succede all’acqua della nostra Città?

    Si diffondono voci sempre più allarmanti circa un inquinamento che avrebbe colpito i pozzi di Ramisella tanto che il Sindaco ha dovuto chiudere uno dei tre pozzi della contrada.
    I cittadini devono essere informati dettagliatamente perché con la salute delle persone non si deve scherzare né si possono avere atteggiamenti che vadano anche al di là della leggerezza.
    Insomma, che succede? L’ARPA, l’agenzia che ha sostituito l’ex Ufficio Provinciale Igiene e Profilassi, ha fatto più prelievi nei pozzi di Ramisella ed ha registrato che i valori dei nitrati presenti nel liquido superano di gran lunga quelli che secondo la legge possono essere tollerati perché l’acqua sia considerata potabile.
    Secondo le norme in vigore perché l’acqua sia potabile occorre che la presenza dei nitrati non superi i 50 milligrammi per litro. Nei pozzi di Ramisella questi valori sono “sballati”, andando ben oltre il consentito.
    Secondo i valori rilevati dall’ARPA, l’acqua non può essere utilizzata per il consumo umano. Cioè l’acqua non è potabile! L’acqua non si può bere né può essere utilizzata per cucinare o per lavare gli ortaggi o la frutta!!!
    Le notizie della non potabilità dell’acqua risalgono al Settembre del 2006.
    Perché non si è informata la Città?
    Le dimissioni di Isabella Righetti da Assessore sono collegate al mistero della notizia? Dalle dichiarazioni della stessa Righetti sembrerebbe di si.
    E chi sarebbe l’ideatore di tenere nascosta la notizia?
    Adesso si ha il dovere di dire come stanno le cose e come risolvere la questione.
    Secondo il Dott. Natale Russo, ex vicesindaco, il problema potrebbe essere risolto dotando le abitazioni di adeguati potabilizzatori. E chi paga?

  5. Ma qual’è il problema? Continueremo ad acquistare l’acqua in bottiglia in attesa che venga privatizzata l’erogazione dell’acqua potabile e finalmente verrà risolta l’annosa questione. D’altro canto se non riesce a risolvere la questione un onorevole del Parlamento Italiano, quale altro comun cittadino potrà?

  6. Acqua inquinata. Atto ispettivo richiesto dall’On.Cristaldi

    Si riporta il testo dell’atto ispettivo:

    INTERROGAZIONE
    (Risposta scritta)

    Al Ministro Ambiente, Tutela del Territorio e del Mare, per sapere:- premesso:

    – che il Decreto legislativo del 2 Febbraio 2001, n.31, disciplina la direttiva 98/83/CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano e che tale direttiva deve essere osservata da tutti gli enti gestori, siano essi pubblici che privati;
    – che nel territorio di Mazara del Vallo (Trapani) i risultati delle analisi dell’ARPA (Azienda Regionale Protezione Ambiente) hanno registrato sull’acqua in distribuzione concentrazioni di nitrati al di sopra della soglia ammissibile prevista dallo stesso decreto legislativo 31/2001;
    – che dal giorno delle analisi dell’ARPA ad oggi non si sono registrate diminuzioni della concentrazione dei nitrati, anzi in certi periodi dell’anno (le analisi dell’AUSL n.9 della provincia di Trapani lo dimostrano) la concentrazione dell’azoto nitrico ha raggiunto valori proibitivi compresi tra 100 e 120 mg/l;
    – che il Comune di Mazara del Vallo, per raggirare l’ostacolo, si è adoperata per superare quanto previsto dalle norme in vigore chiedendo ed ottenendo che l’Assessorato regionale preposto procedesse ad una deroga delle norme disciplinanti la materia, cosicché piuttosto che procedere ad azioni tendenti ad eliminare la causa di non potabilità, l’Assessorato regionale competente ha autorizzato la distribuzione dell’acqua proveniente dai pozzi di “Ramisella” (località in territorio di Mazara del Vallo) con concentrazione dei nitrati sino a 90 mg./l;
    – che, in sostanza, un giorno prima della deroga il campione risultava assolutamente inquinato ed il giorno successivo alla deroga, la stessa acqua risultava completamente idonea al consumo umano, dunque potabilissima;
    – che il Comune di Mazara del Vallo, nella sua atipica azione, ha ricercato nuove fonti idriche che hanno già prodotto la trivellazione di nuovi pozzi in Contrada “Fiumara” per poter procedere alla miscelazione dei pozzi di “Ramisella” con i nuovi pozzi di “Fiumara”, con il tentativo di ridurre la concentrazione dei nitrati. Nel giugno del 2008, durante la fase di trivellazione dei pozzi “Fiumara”, le Autorità competenti, viste le analisi del pozzo n.1 di “Ramisella” hanno predisposto la chiusura dello stesso pozzo per eccesso di nitrati, con valori pari a 161 mg./l. In sostanza, il pozzo n.1 nel giro di due anni ha fatto registrare un aumento della concentrazione in nitrati pari a 0,45 mg./l al mese. Se tutto questo si verificasse anche per i pozzi n.2 e n.3, ci troveremmo con il nemico nitrato nelle falde, il quale chimicamente concentrato si presenterebbe ancor più aggressivo per la salute,

    quali urgenti ispezioni intenda disporre al fine di verificare la reale situazione della potabilità dell’acqua distribuita ai Mazaresi nonché la regolarità delle procedure attivate e citate nel presente atto ispettivo.

    CRISTALDI

    tratto dal
    sito web ufficiale di Nicola Cristaldi

  7. mazaraonline.it | 22 aprile 2011 at 22:53 |

    X Mariella … Il sindaco questa sera, in tv, ha dato dell’imbecille a qualcuno che dice che non hanno fatto nulla per il problema dell’acqua

  8. E’ veramente insopportabile il silenzio dell’amministrazione su questo grave problema che affligge la citta’ di Mazara da tanto,troppo tempo…trascorsa la fase elettorale in cui la vicenda acqua e’ stata utilizzata a fini politici e strumentalizzata,e’ calato un vero e proprio oblio sulla vicenda acqua ai nitrati…attendiamo ancora la soluzione del problema,informazioni chiare e risposte serie!!Aspettiamo…aspettiamo..

Leave a comment

Your email address will not be published.


*