Comunicati on. Livio Marrocco (Fli)

marrocco-fliMarrocco: “Bene il mantenimento degli interventi di oculistica al S. Antonio Abate. L’assessore Russo effettuerà un sopralluogo per scongiurare futuri disagi”

TRAPANI. “Il mantenimento degli interventi di oculistica all’ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani è certamente una notizia positiva, ora occorre evitare che altri disagi simili si ripetano in futuro”. Lo afferma Livio Marrocco, capogruppo all’Ars di Fli, il quale nei giorni scorsi aveva sollevato il caso segnalando che a causa della momentanea chiusura di una sala operatoria quegli interventi sarebbero stati spostati a Marsala. Ora, appunto, la decisione assunta dall’Asp: nelle more della messa a norma della sala operatoria, gli interventi di oculistica si effettueranno nel complesso operatorio del secondo piano e quindi sempre al Sant’Antonio Abate. “L’assessore regionale alla Salute, Massimo Russo, mi ha annunciato un sopralluogo nei prossimi giorni: siamo fiduciosi che servirà a prendere nota delle attuali criticità del presidio ospedaliero per pianificare un’attenta programmazione e scongiurare il ripetersi di questi disservizi”.

Marrocco, interrogazione a Lombardo: “Con il passaggio al digitale terrestre decine di emittenti locali rischieranno la chiusura”

Un intervento della Regione per scongiurare la possibile scomparsa di numerose emittenti televisive locali: lo sollecita Livio Marrocco, capogruppo all’Ars di Fli, con un’interrogazione rivolta al governatore Raffaele Lombardo e che prende le mosse dal passaggio al digitale terrestre previsto in Sicilia nel 2012. L’esponente finiano sottolinea che le frequenze disponibili “saranno soltanto 18” e per questo “non sarà possibile per tutte le tv locali, attualmente operanti in tecnica analogica, diventare operatori di rete digitale”. Poi Marrocco aggiunge: “Il governo nazionale intende realizzare una selezione sulla base delle previsioni del decreto omnibus e secondo gli editori regionali la ripartizione dei numeri prospettata dall’ Agcom rischia di essere troppo sbilanciata in favore delle tv nazionali a discapito delle locali”. Inoltre l’esponente di Fli sottolinea che “la norma in questione prevede un meccanismo complesso di commissioni, graduatorie regionali e, nei fatti, un sorta di “esproprio” del diritto d’uso delle frequenze nei confronti di una parte dell’emittenza locale. Lo spegnimento degli attuali trasmettitori analogici potrebbe veder sparire gran parte delle realtà televisive regionali, visto che per 118 emittenti con sede in Sicilia, i posti disponibili da assegnare sono solo 18”.

Secondo Marrocco, quindi, “si rischierebbe di perdere una parte importantissima dell’informazione locale, dato che per mancanza di frequenze disponibili molte piccole emittenti saranno costrette a spegnere il segnale”. Da qui l’interrogazione a Lombardo per sapere “quali iniziative intende intraprendere questo governo, tenuto conto che il digitale terrestre funzionerà come una livella, decretando il diritto alla sopravvivenza di alcune tv locali rispetto ad altre e non essendo previsto, oltretutto, dallo Stato alcun rimborso o ammortizzatore per la riconversione degli impianti da analogici in digitali. Infatti soltanto chi potrà permettersi investimenti da centinaia di migliaia di euro entrerà nel circuito e gli altri, invece, saranno costretti a consorziarsi o a vendere le proprie frequenze e chiudere i battenti”.

 

[Filippo Pace]

3 Comments on "Comunicati on. Livio Marrocco (Fli)"

  1. enzo monaco | 20 ottobre 2011 at 21:54 |

    BRIGUGLIO HA UN’ESPERIENZA POLITICO AMMINISTRATIVA DI SPESSORE, MENTRE MARROCCO HA SOLO UN’ESPERIENZA DI “SCUOLA DI PARTITO”. la differenza c’è! CAPO GRUPPO ALL’a.r.s. Del MSI lo fù anche Cristaldi, ma all’epoca Tutti rimpiaggemmo il Catanese Vito Cusumano , il suo Vice Benito Paolone e le stature di Dino Grammatico e Ciccio Virga, ove Briguglio era ancora un novellino.!

  2. nino fiorentino | 20 ottobre 2011 at 12:38 |

    Pardon! L’on.le Marrocco è effettivamente il capo gruppo di FLI all’ARS. L’on.le Briguglio ne è invece il coordinatore regionale nonché vice-capo gruppo alla Camera. Ricordo una ‘tirata d’orecchie’ di Briguglio a Marrocco che aveva criticato l’assessore regionale alla sanità, ma non ricordavo in che veste fosse stata fatta..

  3. nino fiorentino | 20 ottobre 2011 at 08:40 |

    Ma non era l’on.le Briguglio il capo-gruppo all’A.R.S. di Futuro e Libertà?

Leave a comment

Your email address will not be published.


*