Firma convenzione con associazione “Disoccupati mazaresi onlus”

MAZARA DEL VALLO. Domani, Martedì 7 Febbraio, alle ore 12,00 presso il Palazzo dei Carmelitani, residenza del Sindaco, in via Carmine, saranno illustrate le iniziative poste in essere dall’Amministrazione Comunale a sostegno delle misure anticrisi. Durante l’incontro sarà firmata la convenzione tra il Comune di Mazara del Vallo e l’associazione “Disoccupati mazaresi Onlus”, con la quale gli aderenti alla stessa associazione, saranno utilizzati, in ausilio agli operatori comunali, nel campo dell’edilizia, dell’arredo urbano e del decoro della Città. Alla firma della convenzione saranno presenti per il Comune di Mazara del Vallo, l’on.le Nicola Cristaldi, Sindaco della Città e il sig. Francesco Biosa, Presidente dell’associazione “Disoccupati Mazaresi Onlus”.

[P. Mattaroccia]

10 Comments on "Firma convenzione con associazione “Disoccupati mazaresi onlus”"

  1. Enzo che ci vuoi fare questa e’ la dittatura che vige in 
    Italia.

  2. è vietato al Comune di affidare alle ONLUS serevizi che il Comune ha l’obbligo di erogare !! siccome non lo volevano capire ho chiesto l’ispezione alla Regione siciliana e l’Isp. terranova ha confermato tale mio parere ,che io avevo supportato con le leggi di settore !! MA LA SOLITO NULLA DI FATTO: anzicchè recedere sulle loro decisioni l’Amministrazione Comunale scaduto il primo contratto ha ripetuto per ben 2 volte la gara informale per le ONLUS !!! come vedi nulla i fatto nemmeno se a dirlo è l’Ispettorato Regionale!!!

  3. Enzo, allora domani tutti i disoccupati appartenenti a qualsiasi categoria di lavoratori, esempio geometri, architetti ,elettricisti, pittori , gessisti, etc. possono tutti costituire ONLUS e lavorare alle dipendenze del comune, addirittura cosi si eliminerebbe il fastidioso problema delle gare d’appalto, tutte ONLUS a partecipazione comunale.

  4. oggi si e firmata la convenzione tra il comune(Sindaco Nicola Cristaldi) e l’associazione di disoccupati ONLUS.
    saranno convenzionati euro 20,000 x 2 mesi di lavoro x 100 dei disoccupati dell’associazione affiancati da operai del comune con il responsabile x fare piccoli lavori di ristrutturazione della città,come ripristino di marciapiedi,togliere erbaccia,ripristinare delle buche delle strade ecc.
    la cosa che mi turba un po e il fatto che con questi 20,000 euro l’associazione dovrà pagarsi la fornitura di scarpe antinfortunistica, occhiali, guanti e giubbottini,la cosa che mi lascia un po perplesso e che l’occorrente si dovrà spendere dai 20,000 euro,in più c’è l’assicurazione x l’INAIL….ma quanto percepirà un disoccupato al netto??? sicuramente pressochè sarà sui 15 euro al giorno x dieci giorni ciascuno!!!
    che dite cambierà la vita ai disoccupati???

  5. E’ una piccola ancora di salvezza, ma attenzione che non diventi come per il servizio di salvataggio, cioè a dire ti rimborso le spese che sostieni ma non ho responsabilità sul tuo futuro, sia contributivo che lavorativo. Questa mancanza di progetti a lungo termine minano la sicurezza e la stabilità sociale. Il consiglio che do’ all’odierna classe politica mazarese è di lavorare su proposte concrete e durature di lavoro, cercando di ridare alla persone la dignità che solo un lavoro regolare può dare e attraverso questo percorso ricreare la fiducia nella gente nei confronti della politica.

  6. a meno che non si faccia come l’assistenza ai disabili nelle scuole :!!! DEVI PURE METTERE IL 20% DELLE SPESE DEL PERSONALE !!!! bravi questi politici : spendono miliardi ed i servizi li vogliono fatti gratis dalle ONLUS!!!!

  7. @ Triglia . hai fatto centro !!! @ Vito reina : le ONLUS non devono avere alcun utile : il che significa in parole povere : TI Dò 1000 EURO, PAGHI LA MANO D’OPERA E TU NON DEVI INCASSARE NULLA,

  8. Attenzione “fratelli questuanti”. Questo stratagemma(apparentemente nobile) della convenzione tra il Comune di Mazara del Vallo e l’associazione “Disoccupati mazaresi Onlus”, potrebbe avere al suo interno delle esigenze populistiche mirate al ritorno d’immagine.

  9. Scusa Enzo non capisco. L’associazione ONLUS è senza scopo di lucro, quindi tale personale viene utilizzato affiancato al personale comunale che viene regolarmente pagato, ma allora come funziona l’impiegato guadagna e l’ ONLUS lavora senza soldi??? e nella pentola cosa ci si mette ???

  10. atendiamo fiduciosi che l’atto di approvazione (delibera) venga pubblicata sul sito del Comune con “ALLEGATA LA CONVENZIONE ” ; semplice curiosità ?? no vorremmo misurare preventivamente la portata di questa convenzione !!

Leave a comment

Your email address will not be published.


*