Mazara, la legalita’ come fattore di sviluppo. I beni confiscati alla mafia diventano ‘cose nostre’. Questa mattina Seminario di studi al Museo della Legalità

MAZARA DEL VALLO. Alla presenza degli studenti dei corsi di giornalismo organizzati dall’Istituto tecnico “Montale” e dell’Istituto comprensivo “Borsellino” di Mazara, questa mattina al Museo della Legalità si è svolto il seminario di studi dal tema: “La Legalità come fattore di sviluppo. I beni confiscati alla mafia diventano ‘Cose Nostre’”.

Il seminario, moderato dall’addetto stampa comunale Ettore Bruno, è stato aperto e chiuso dagli interventi dell’Assessore comunale alle Politiche Sociali, Pubblica Istruzione, Trasparenza e Legalità, dr. Riccardo La Rosa, che ha elencato le attività antimafia dell’Amministrazione Comunale, soffermandosi sulla gestione dei beni confiscati alla mafia nel territorio mazarese, ed in particolare sul Palazzo della Legalità, che da bene in mano a Cosa Nostra è divenuto sede delle Politiche Sociali, sede provinciale Unicef, del Movimento Bambino, dello Sportello Antiviolenza e di tante associazioni quotidianamente impegnate in attività di pubblica utilità.

Le attività del Consorzio Legalità e Sviluppo della Provincia di Trapani sono state illustrate agli studenti dal dr. Alfredo Finotti, consigliere d’amministrazione, mentre il direttore generale dello stesso Consorzio, il dr. Cristofaro Ricupati, ha tenuto una lezione sull’evoluzione delle norme che attengono il sequestro, la confisca e l’assegnazione dei beni confiscati alla mafia.

L’arch. Giovanni Giammarinaro, funzionario del Servizio Pianificazione e Urbanistica del Comune, ha infine illustrato il progetto di manutenzione di un immobile pluriplano di via Emanuele Sansone confiscato alla mafia che diverrà sede del Commissariato di Polizia, grazie ad un finanziamento ottenuto dal Comune nell’ambito del Pon Sicurezza di oltre 2 milioni di Euro.

[P. Mattaroccia]

Nella foto da sx Giovanni Giammarinaro, Cristofaro Ricupati, Riccardo La Rosa e Alfredo Finotti.

Be the first to comment on "Mazara, la legalita’ come fattore di sviluppo. I beni confiscati alla mafia diventano ‘cose nostre’. Questa mattina Seminario di studi al Museo della Legalità"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*