8 Comments on "Sanità a singhiozzo per i malati. Protestano cittadini e sindacati per i ritardi dell’apertura dell’area di emergenza di via Livorno"

  1. @Licata Giuseppe

    Di certo la lobby delle Imprese Funebri!! :) :) :) :)

  2. perchè non vi chiedete a chi fa comodo in termine di interesse politico economico tenere in questa situazione una città?

  3. @Nino Fiorentino e Corrado Sansone,scusate, ma pensate veramente che un cotal sindaco possa perdere il suo preziosissimo tempo a comunicare coi mazaresi!

  4. @Nino Fiorentino
    Non so cosa risponderLe.
    Ho provato anche a consultare le Profezie di Nostradamus e pare che lui abbia riscontrato qualche problema a riguardo.

  5. nino fiorentino | 5 dicembre 2012 at 08:47 |

    Corrado Sansone vorrà scusarmi se gli rubo il commento che ha postato sopra: ma il Comune di Mazara, quel benedetto certificato, lo rilascia o no?

  6. premesso che all’incontro con De Nicola erano presenti oltre ad una delegazione del M5s di Mazara anche i due portavoce Sergio Troisi e Valentina Palmeri per rendersi conto di persona dello status quo, gli interlocutori Crocetta e Borsellino sono chiamati in causa poichè il massimo livello burocratico (De Nicola) ha dichiarato in quella sede che l’area di emergenza progettata e posta in essere (ancora è cmq chiusa) è ciò che emerge da un progetto ed un crono-programma  realizzato di comune accordo con l’ex assessore regionale Massimo Russo….ora se il percorso fallimentare è stato ideato su indicazione di questo interlocutore (che non è più assessore), si presume che probabilmente se si volessero implementare nuovi e migliori servizi nella area di emergenza, ove non puo’ o non vuole la burocrazia, magari puo’ (se vuole) la volontà politico-amministrativa dei nuovi interlocutori (appunto Crocetta e Borsellino)….magari loro sollecitati sia dai portavoce 5 stelle (già attivi in questa vicenda) e magari anche da tutti gli altri 7 deputati regionali che a Mazara hanno preso il loro gruzzoletto di voti (Mimmo Turano udc, Baldo Gucciardi pd, Antonella Milazzo pd, Nino Oddo psi, Paolo Ruggirello lista Musumeci, Girolamo Fazio pdl, Giovanni Lo Sciuto mpa), bhe magari tutti insieme capiamo il perchè gli onorevoli in questione sono “del territorio e regionali”……………la parola alla politica, alla burocrazia, ed ai cittadini….che fa ne riusciamo ad uscir fuori ottenedendo cio’ che la città ha chiesto da tempo e con anche le 5.147 firme (che vanno rispettate!)?

  7. Tempo fa uno dei soliti “scienziati” aveva pomposamente dichiarato che l’unico ostacolo era il certificato di agibilità che il Comune avrebbe rilasciato in pochissimo tempo.
    Posto che stiamo parlando di struttura pubblica, c’è da sperare che qualcuno non abbia cercato stupidamente di eludere qualche regola perchè a questo punto non si capiscono i motivi di questo ritardo.
    Ma se nel malaugurato caso il ritardo nella certificazione dovesse dipendere da mancanza di solerzia di qualche dipendente mi auguro che oltre ad adire le vie legali nei confronti dello stesso, gli si somministri anche una buona dose di ceffoni e calci nel sedere.

  8. nino fiorentino | 3 dicembre 2012 at 09:10 |

    Prendo atto con piacere che l’esponente locale del M5S s’é reco conto che, per risolvere un problema, é meglio rivolgersi a chi di dovere, piuttosto che raccogliere firme. Ma non capisco secondo quale logica, appurato che l’area d’emergenza rimane chiusa perché manca una certificazione di competenza comunale, si individuino nel presidente Crocetta e nell’assessore Borsellino gli unici interlocutori in merito. Io non dubito che l’alcamese Palmeri od il trapanese Troisi riusciranno, prima o poi, a trovare il tempo per presentare una bella interrogazione a proposito di un ospedale concorrente rispetto a quello delle loro città. Ma vogliamo scommettere che la risposta sarà “Manca ancora la certificazione dell’agibilità da parte del Comune di Mazara del Vallo”?

Leave a comment

Your email address will not be published.


*