Cresce del 100% la presenza dei turisti a Custonaci: da 18 a 35 mila negli ultimi 5 anni

CUSTONACI. Raddoppiata la presenza dei turisti a Custonaci negli ultimi cinque anni. Dai circa 18 mila del 2007, infatti, si è passati agli oltre 35 mila del 2011, come evidenziato dai dati dell’Ufficio Statistica della Provincia. Anche la permanenza è cresciuta dato che adesso è di 3 giorni contro i 2,7 del 2007. Il numero maggiore di turisti proviene dalla Sicilia e, a seguire, da Lombardia (+152% rispetto al 2007), Lazio e Toscana. Per gli stranieri, il numero maggiore arriva dalla Germania (404, +102% rispetto al 2007) e dal Regno Unito (267, +323% sempre paragonando i dati a quelli di 5 anni addietro). Nelle strutture ricettive di Custonaci, inoltre, hanno soggiornato anche cittadini di Olanda, Francia, Belgio, Svezia, Spagna, Danimarca, Svizzera, Liechtenstein e Finlandia. Dati positivi che si uniscono a quelli del portale hotels.com per il quale Custonaci è la terza località più gettonata, per il settore isole, con un incremento, rispetto al 2011, del 280%.

“Sono numeri che ci inorgogliscono – affermano il sindaco Mario Pellegrino e l’assessore al Turismo Vito Mazzara -. Nel corso di questi cinque anni ci siano attivati per promuovere il turismo, organizzando servizi e predisponendo delle misure volte a favorire l’incentivazione”. Fra queste figurano l’apertura dello sportello turistico di via Cornino (con oltre 1.500 visite nel 2012); la partecipazione alla Bit di Milano; la partecipazione al concorso “Comuni fioriti”; la realizzazione di un depliant sul territorio; l’incremento dei servizi nella Riserva Naturale di Monte Cofano; lo sviluppo di importanti manifestazioni come il presepe vivente, la festa della Madonna ed il calendario delle manifestazioni estive; l’istituzione di bus navetta per i turisti; l’inclusione del Comune nella rivista della Ryanair; il potenziamento della struttura balneare “Lo Scivolo” di Cornino; la realizzazione di fiere mercato.

“Questi sono tutte iniziative – affermano Mario Pellegrino e Vito Mazzara – che hanno consentito la nascita di diversi B & B, in aggiunta alle strutture alberghiere, che contribuiscono ad accrescere la presenza dei turisti nel nostro territorio. Quindi, per il futuro, al fine di proseguire la crescita turistica, auspichiamo un maggiore impegno negli investimenti dei privati ed un maggiore intervento delle istituzioni attraverso l’istituzione di nuove misure”.

 

Antonio Trama

 

5 Comments on "Cresce del 100% la presenza dei turisti a Custonaci: da 18 a 35 mila negli ultimi 5 anni"

  1. nino fiorentino | 21 gennaio 2013 at 20:29 |

    @satiro danzante: questa me l’ha raccontata una docente che, come lei, mazarese, insegna fuori. Qualche anno fa, volendo fare lo stesso, non da Civitavecchia, ma molto più agevolmente, da Palermo, si é interessata con i locali ristoratori ( ce n’é una caterva a due passi dal museo del satiro ) cercando di contrattare un pasto a pranzo per ragazzo a 10 euro, per più di 50 coperti. Non ha accettato nessuno. Per chi non lo sapesse, a Palermo, ancora oggi, é possibile pranzare con 5 euro o, tutt’al più, con 7 euro corrispondenti al buono pasto che molte aziende rilasciano ai dipendenti. La scolaresca é venuta lo stesso.Ci ha guadagnato qualche salumaio palermitano che ha confezionato i panini che i ragazzi hanno mangiato seduti alla villa, Loro speravano in una pizza e coca-cola. Se poteva fà…e come se se poteva fà…in perdita, di sicuro, non ci sarebbero andati ed a 50 giovani visitatori magari, sarebbe rimasto un ricordo migliore, tale da indurli a ritornare…non é che i flussi turistici dobbiamo per forza intercettarli in islanda od in Australia..

  2. A proposito di turismo destagionalizzato. Nel mio piccolo,nell’anno scolastico 2008/09 – lavoravo in un liceo scientifico di Civitavecchia – sono riuscito a convogliare . in due turni – su Mazara, parlano in continuazione del Satiro, ben 5 classi di studenti durante la gita scolastica annuale, quell’anno in Sicilia. Anche il turismo scolastico è fonte di guadagno e andrebbe preso in considerazione.

  3. nino fiorentino | 21 gennaio 2013 at 13:35 |

    @pino triglia. Grazie, ma le ‘mie’ sono, appunto ‘sottolineature’. Io mi riferivo ai commenti ( ed alle idee ) di tanti. E mi pareva di ricordare che l’idea della rivista di Ryanair fosse proprio sua!

  4. @ Nino Fiorentino. Le sue “piccole” sottolineature non sono banalità, ma, gocce di “acqua pesante”.  ”Mare, Arte, Cibo e Turismo sono il futuro della nostra città”. Io cerco sempre di promuoverla e raccontarla a tavola e nella vita.- Mazara deve promuovere un turismo religioso, un turismo lento, un turismo della pesca e della barca, un turismo di nicchia, di eccellenze e di qualità con una mirata politica di destagionalizzazione da spalmare tutto l’anno.- Nota Bene.: Una “Cassetta delle buone idee” dedicata a tutte le iniziative suggerite dalla popolazione non darebbe solo sapore alla bontà dei nostri prodotti tipici…ma anche un tono di buon gusto!.- Firmato Pino Triglia, un consulente turistico gratuito senza alcuna revoca!!!

  5. nino fiorentino | 21 gennaio 2013 at 08:47 |

    “Istituzione di bus navetta ed inserimento nella rivista Ryanair” Sembrano banalità, ma danno un ritorno notevolissimo. E, per quanto riguarda Mazara, sono già stati proposti da tanti lettori su questo portale. Consulenza a titolo gratuito, si capisce!

Leave a comment

Your email address will not be published.


*