Il blu

“…auto blu/ sangue blu/ cieli blu/

amore blu/ rock and blues/…”.

Rino Gaetano, Nuntereggae più

Con il tempo, anche i colori cambiano.

Il colore blu ha sempre simboleggiato armonia, equilibrio e calma; è un colore che rilassa portando equilibrio nella sfera emotiva; chi predilige il blu è sempre stato considerato un individuo dai sentimenti profondi, pacato, che ha fatto degli ideali la sua arma vincente.

Il blu, da un po’ di tempo, ha perso il suo significato originario; è diventato sempre più il simbolo della casta politica (anche cittadina) e del rampantismo dei vecchi e nuovi peones: auto blu, lampeggiante blu…

Il lampeggiante no, quello non c’è più – purtroppo, aggiungerebbe qualcuno – perché violava (e viola) l’art. 177 codice della strada ed è stato, giustamente, rimosso ma… soltanto dopo che il Sindacato Diccap ha sollevato la questione con una lettera inviata alle Forze dell’Ordine.

Sembra oggi, eppure quando Rino Gaetano ha scritto Nuntereggae più era il 1978.

Oggi, come e più d’allora, il testo si conferma un testo di denuncia, un grido di allarme, l’ultimo appello alla coscienza individuale e collettiva degli italiani.

 

[Il Giardino delle Ortiche – Giacomo Cuttone]

1 Comment on "Il blu"

  1. i ministri puliti i buffoni di corte
    ladri di polli
    super pensioni
    ladri di stato e stupratori
    il grasso ventre dei commendatori
    diete politicizzate
    evasori legalizzati
    auto blu
    sangue blu
    cieli blu
    amore blu
    rock and blues

Leave a comment

Your email address will not be published.


*