Mazara. “Il duemila”: “aprire le chiese del centro storico mazarese”

MAZARA DEL VALLO. “Le chiese chiuse del centro storico di Mazara del Vallo sono una grande sconfitta culturale. Mettono in giro un senso di delusione e di desolazione a cittadini e turisti”. Inizia così la nota con la quale l’istituto di ricerca “Il Duemila” interviene, oggi, sulla situazione degli edifici ecclesiastici presenti nella città del Satiro. Una presenza definita dai ricercatori un “doppio Paradiso di arte e fede”, che dovrebbe essere valorizzato al massimo. “Le istituzioni comunali”, si legge nella nota de “Il Duemila”, “dovrebbero guardare con occhi diversi questa realtà deprimente”, dovrebbero dare ai cittadini e ai turisti la possibilità di “potersi stupire davanti questa artistica dimensione durante tutto il giorno e, al contempo, ripristinare e aggiornare l’identità acquisita nel corso dei secoli”.
In particolare, per i ricercatori dell’istituto mazarese il comune dovrebbe sottoscrive un accordo con la locale curia vescovile, al fine di prevedere l’apertura delle chiese sia di giorno che, in alcune occasioni, anche di sera. Ovviamente, Palazzo dei Carmelitani dovrebbe accollarsi le spese per assicurare tutto quello di prezioso che si trova all’interno delle chiese, per la pulizia e per assicurare eventuali visite guidate. “Il Duemila”, inoltre, ipotizza anche la realizzazione di un sito internet multilingua. Un progetto, insomma, per rimettere in luce un “pezzo di storia” della città, una volta definita come città delle cento chiese.
[fonte Televallo]

1 Comment on "Mazara. “Il duemila”: “aprire le chiese del centro storico mazarese”"

  1. MA ANCHE LE CASE CHIUSE…

Leave a comment

Your email address will not be published.


*