Al via il primo corso Alta Scuola di Formazione Ambientale a Pantelleria

FORMAZIONE. Al via il primo corso Alta Scuola di Formazione Ambientale. Inizia questo sabato la settimana organizzata dall’Alta Scuola di Turismo Ambientale, in collaborazione con la Libera Università degli Studi Sociali LUISS, con Vivilitalia e di concerto con Federparchi, che studierà nuovi e diversi strumenti operativi, insieme a chi già opera in posizioni strategiche e decisionali, condividendo e divulgando buone pratiche ed esperienze rivolte ad un target nazionale ed europeo e rappresentando un laboratorio di idee progetti da sviluppare in Italia.

L’iniziativa viene realizzata con il concreto impegno del Parco Nazionale Isola di Pantelleria. “L’obiettivo è in modo che il paradiso di Pantelleria possa essere fruito per 10 mesi e due di meritato riposo e non il contrario come avviene ora – afferma Antonio Parrinello, direttore dell’ente – Per raggiungere questo risultato basta fare sistema, elevare la qualità dei servizi e aprire Pantelleria a tutte le categorie del turismo di oggi: trekkers, bikers, birdwatchers, gastronauti, etc. Si vuole, così, costruire un turismo durevole in territori complessi, sintesi di relazioni nevralgiche quali: tutela del paesaggio, agricoltura e prodotto tipico; sviluppo turistico e qualità di vita dei residenti; responsabilità condivise e interessi di parte; dissesto idrogeologico e pressione turistica; identificazione fra Enti Parco e comunità locali”.
Fra i docenti che prenderanno parte al programma, spiccano i nomi di Paolo Grigolli, direttore scuola di Managment Turismo; Gianfranco Ciola, direttore Parco Nazionale Dune Costiere; Patrizio Scarpellini, direttore Parco delle Cinque Terre; Renato Goretta, presidente cda Gesta srl; Filippo Lenzerini; Paola Larger. La giornata conclusiva di sabato 1 dicembre vedrà gli interventi di Paolo Roncaglia, Marco Katzenberg, Sebastiano Venneri.