31-10-2007   "Alimentazione & Benessere"                                       Mazara del Vallo

                                                                                 

                             
La nutrizionista dott.ssa Susanna Ferro

ALLARME GIROVITA 
CONTROLLA SE SEI A RISCHIO

a cura della nutrizionista 
dott.ssa Susanna Ferro 
tel. 339 1331733 
susannaferro@tiscalinet.it



Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità la distribuzione del grasso all'interno dell'organismo è la vera "chiave" dei rischi legati al sovrappeso e all'obesità. In particolare è accertato che il grasso viscerale, che si accumula soprattutto all'interno dell'addome (la classica "pancia"), rappresenta un fattore di rischio specifico per le malattie cardiovascolari (la presenza di obesità addominale aumenta di oltre il doppio il rischio di infarto). 

Non tutti i tipi di grasso sono uguali - Il grasso viscerale, o intra-addominale o meglio quello che si accumula nella "pancia", ha caratteristiche diverse da quello sottocutaneo (che si trova ad esempio nei glutei) sia per la struttura delle cellule sia per gli effetti che le cellule esercitano sul metabolismo. Si infiltra nei tessuti provocando invecchiamento precoce, pressione alta infarti, diabete. 

La misurazione della circonferenza addominale, è un esame molto semplice da effettuare. Lo standard di riferimento per parlare di obesità addominale si ha quando la circonferenza vita supera valori di 102 NEI MASCHI e 88 CENTIMETRI NELLE FEMMINE. Come misurare la circonferenza: - prendere un metro da sarta e posizionarlo intorno all'addome all'altezza dell'ombelico, - assicurarsi che il metro sia teso, ma che non comprima la pelle, - Il metro deve essere parallelo a terra, - rilassarsi e respirare mentre si effettua la misurazione. 

LA PANCIA AUMENTA ESSENZIALMENTE IN TRE CASI: QUANDO SI RIEMPIE DI ARIA, DI ACQUA E DI GRASSO. 

Ognuna di queste sostanze ha una causa precisa rimovendo la quale si rimuove la pancia. 

Se la PANCIA è piena D'ARIA, diminuire le calorie non serve, occorre riequilibrare stomaco e intestino. Questo tipo di pancia segnala difficoltà digestive dovute a un'alimentazione non equilibrata e allo stress. Rimedi: fare piccoli pasti frequenti, modificare la dieta e mangiare lentamente. 

Se il problema è l'ACQUA, potrebbe essere il sintomo di un cattivo funzionamento del fegato. Naturalmente non si tratta della benefica acqua all'interno dell'intestino. Questa svolge una preziosa azione lubrificante e favorisce l'evacuazione. Quando si parla di parla di"pancia d'acqua" ci si riferisce all'acqua che può raccolgliersi all'interno della membrana che separa l'intestino dal tessuto addominale superficiale che spesso è sinonimo di problemi al fegato. Abitudini errate, come pasti frettolosi, cibi precotti riscaldati più volte, soprattutto se prolungati nel tempo conducono ad un sovraccarico del fegato. Per diminuire questa pancia occorre quindi disintossicare il fegato eliminando i grassi animali (burro, insaccati), cuocere al vapore e abbondare con carciofi, carote, cavolo; abolire l'alcol . 

Per la PANCIA dovuta a GRASSO è d'obbligo ridurlo perché si infiltra negli organi interni e mette in pericolo la salute. Di solito si tratta di soggetti sedentari, che devono riabituarsi gradualmente al movimento, magari semplicemente con una camminata. Il grasso addominale dopo aver saturato il tessuto sottocutaneo, si infiltra nel tessuto muscolare e negli organi sottocutanei e diventa molto pericoloso perché determina la produzione di grande quantità di sostanze antiffiammatorie le quali oltre ad avviare fenomeni di invecchiamento cellulare, sovraccaricando il fegato. LE AZIONI PIÙ EFFICACI: aumentare la quota di proteine, eliminare i formaggi, ridurre lo zucchero, sostituire il pane o la pasta con una patata bollita.

                 

                                                    

  
                                                                                      

 

HOME

 
 

© Copyright 2001-2007  MEDIBA Media Communication Software                                  

Hit Counter