COMMENTI                                       Mazara del Vallo

                                                                                 

                             

Acqua ai nitrati: Il silenzio assordante dell'amministrazione

Nino Asaro


 


U
n silenzio assordante!
Questa frase così cara al sindaco Giorgio Macaddino è perfetta per descrivere la politica di comunicazione che l'amministrazione ha tenuto riguardo la questione acqua del Trasmazaro.

Il nostro forum e le decine di mail ricevute non fanno altro che sottolineare la mancanza di informazioni riguardo lo stato d'avanzamento dei lavori che dovrebbero risolvere il problema dell'acqua dei pozzi di Ramisella.

Così come non c'è stata chiarezza all'inizio, quando è emersa la vicenda, continua a non esserci nessuna informazione precisa adesso che la Regione, su indicazione dell'amministrazione, ha delineato un percorso risolutivo del problema. 

Basti ricordare che il contenuto della deroga annunciata in una intervista dal sindaco Macaddino e pubblicata dalla GURS il 7.09.2007 è stato reso noto tramite un comunicato dopo 7 giorni, ed ancora non è stato ufficialmente pubblicato e diffuso per come prescrive al sindaco la stessa deroga.

Per la verità il solerte Comitato civico per il Trasmazaro ha provveduto a sue spese a fare dei volantini con il testo completo della deroga, per distribuirli alla cittadinanza, e una associazione presieduta dal dr. Natale Russo denominata "Osservatorio Ambientale" ha scritto alla Direzione Generale Ambiente a Bruxelles ed al Ministero della Salute, chiedendo precise indicazioni riguardo ai pericoli sull'uso prolungato dell'acqua con valori alti di nitrati.

Crediamo che doveva essere l'amministrazione a chiarire i termini della deroga, in maniera ufficiale, e non delegando le tv locali, i giornali  o sottolineando qualche particolare tra le righe di una vendicativa intervista.

Era dovere dell'amministrazione fugare una volta per tutte i dubbi sulla pericolosità dell'acqua, interpellando enti, istituti e specialisti e rendendo "chiaramente" pubblici i risultati.

Non costerebbe nulla informare la cittadinanza sullo stato dei lavori per la risoluzione del problema, la gente vuole sapere, ha la necessità di sapere. La politica del silenzio non paga, rende l'idea di un'amministrazione boriosa, immobile e lontana dai problemi dei cittadini.

Non è necessario che sia sempre e solo il sindaco Macaddino a parlare, i cittadini del Trasmazaro non fanno distinzione di ruoli, sindaco, assessore ai lavori pubblici, dirigente dell'ufficio acquedotto, vanno bene tutti.

I testi dei documenti citati in questo articolo li trovate qui.                                                         

Mazara 16/09/2007

  
 

  
                                                                                      

 

HOME

Cerca nel sito
 
 

© Copyright 2001-2007 MEDIBA Media Communication Software                                  

Hit Counter