www.mazaraonline.it

                Mare pulito a Mazara del Vallo

                        

Malgrado Goletta Verde anche quest’anno non abbia attributo la bandiera blu, la città di Mazara del Vallo potrebbe fregiarsi di questo riconoscimento, grazie alle sue acque di mare pulite, non inquinate e quindi idonee alla balneazione.

Questo risultato è emerso da un approfondito studio condotto da una nostra concittadina, Biologa Susanna Ferro, durante il suo lavoro di tesi sperimentale presso l’Università degli Studi di Palermo- Facoltà Scienze Biologiche e il Dipartimento di Chimica Analitica e Inorganica, dal titolo “Analisi delle acque di balneazione del litorale di Mazara del Vallo”.

 


Lo studio è stato effettuato al fine di stimare la qualità delle acque di balneazione della nostra città, messe a repentaglio dall’urbanizzazione stagionale delle coste, dalla assenza di depurazione delle acque reflue urbane riversate in mare da una condotta sottomarina, prive di alcun trattamento, e dalle attività svolte nel Porto Canale; inoltre si è cercato di individuare le eventuali fonti di pressione antropica che potrebbero minacciare il delicato e prezioso equilibrio marino-costiero della città, ricco di ecosistemi marini e di transizione.
Da precisare che a Mazara esiste un depuratore, costruito da anni e mai entrato in funzione e che sta cadendo a pezzi a causa della mancata manutenzione.(Vedi foto a lato)

 

La costa monitorata si estende per circa 10 Km e precisamente dalla Zona Umida di Capo Feto fino alla foce del fiume Delia. Considerato che sono attivi diversi corpi idrici (Canale di bonifica di Capo Feto, fiumi Mazaro e Delia) che immettono in mare le loro acque, sono state scelte 7 stazioni di campionamento in mare, alla distanza di circa 50 metri dalla costa, in dettaglio: Capo Feto, Lido balneare Macao, Mazaro- Porto Canale ovest ed est, Chiesa di San Vito, foce del Delia ovest ed est.

 

La campagna di monitoraggio è stata condotta per un periodo di un anno, con frequenza quindicinale da maggio a settembre e mensile da ottobre ad aprile. La legislazione a cui si è fatto riferimento è quella attualmente in vigore (DPR 470/82) che prevede il monitoraggio durante la sola stagione balneare, ma considerato che a Mazara grazie ai venti favorevoli e alla mitezza del clima, il mare è utilizzato tutto l’anno per la pratica degli sport acquatici, come il windsurf e il Kite-surf, il periodo di monitoraggio è  stato esteso ad un intero anno solare.

 

I parametri chimici e chimico/fisici analizzati sono stati: temperatura, pH, colore, trasparenza, oli minerali, ossigeno disciolto, ammoniaca, nitriti e tensioattivi. Per il comparto microbiologico:
coliformi totali, coliformi fecali, Escherichia coli, streptococchi fecali ed enterococchi.

 

 

L’elevato numero di dati analitici (circa  1500) raccolti durante la campagna di monitoraggio ha consentito di valutare la qualità delle acque di balneazione di Mazara del Vallo.

Dal confronto dei risultati ottenuti con i valori limite dei parametri  indicati nella legislazione vigente (ormai datata e in revisione)  e con quelli più innovativi della Agenzia di protezione ambientale Americana (US-EPA), essi  sono stati ampiamente al di sotto dei valori soglia caratterizzando come balneabili le acque costiere mazaresi .

 

In conclusione, da questo studio è emerso che nonostante gli scarichi non a norma, il porto e numerose altri fonti d'inquinamento causate dall'uomo, fattori naturali  influenzano positivamente la qualità dell’acqua di balneazione di Mazara del Vallo, rendendola molto pulita e quindi adattissima alla balneazione.

  Per la salvaguardia dell’ambiente e per la tutela del notevole flusso di bagnanti che frequentano la città nei mesi estivi, ci si auspica che in futuro siano poste in primo piano le norme che disciplinano la tutela dell’ambiente marino, perché non si può contare sulla sola azione autodepurativa del nostro meraviglioso mare.

Infine sarebbe auspicabile che gli Enti preposti a questi controlli quali Agenzia Regionale Protezione Ambiente, CNR Laboratorio d'Igiene e profilassi e se volete l'Amministrazione comunale continuassero il prezioso lavoro svolto dalla Dr.ssa Susanna Ferro, magari in collaborazione con  la stessa, al fine di promuovere anche dal lato turistico, la qualità delle acque del litorale di Mazara del Vallo.

La Dr.ssa Susanna Ferro è disponibile per ogni eventuale chiarimento e collaborazione, per contattarla utilizzare la nostra redazione info@mazaraonline.it    o tel. 338 6965160.

                                                                                                                                Nino Asaro

                                                                                                                              



                                                               


Hit Counter